Blog

Cosa bisogna sapere sulle opzioni binarie

Le opzioni binarie possono essere considerate delle assicurazioni online sul proprio patrimonio, ma solo a patto di essere in grado di compiere gli investimenti giusti: e per farlo non c'è altra soluzione che quella di studiare, per conoscere nel dettaglio il settore. Nel caso in cui il trading abbia successo, infatti, le opzioni binarie assicurano un guadagno notevole, ma se le "puntate" hanno esito negativo il rischio di perdere quasi tutto il capitale depositato nel giro di poco tempo è molto elevato. Facendo un paragone con il poker, non è esagerato parlare delle opzioni binarie come all in, in cui si perde o si vince tutto a seconda dei casi. Non è solo questione di buona o di cattiva sorte, però, ma anche di competenza e di conoscenza del mercato e dei vari asset (dalle materie prime alle valute, dai titoli alle azioni) su cui si decide di puntare.

Ecco perché chi si cimenta nelle opzioni binarie deve basarsi su una strategia accurata e studiata in anticipo, non disdegnando di utilizzare strumenti di analisi tecnica grazie ai quali sperimentare novità e proposte. Il punto di partenza non può che essere, comunque, la scelta di un broker di comprovata affidabilità. Ormai se ne possono trovare molti, e il panorama è molto più sicuro rispetto a qualche anno fa: è sufficiente verificare che la Consob abbia approvato il broker a cui ci si rivolge per avere la certezza di non incappare in truffe o imprevisti.

Un aspetto molto importante che merita di essere preso in considerazione è il cosiddetto tasso di salvaguardia, noto anche come tasso di assicurazione: si tratta, in pratica, di un risarcimento o rimborso spese, vale a dire la percentuale di capitale che viene restituita dal broker al trader nel caso in cui la posizione aperta scada in perdita, o – per adottare il gergo tecnico – out of money. Tale percentuale non è molto elevata, e si aggira in genere tra il 10 e il 15%, almeno per le opzioni binarie tradizionali il cui rendimento è di solito compreso tra il 70 e l'85%.

Grazie a questa sorta di paracadute ci si può proteggere in caso di puntate e previsioni non corrette. Il tasso di assicurazione diventa più alto, invece, se si scelgono le opzioni builder, che permettono a chi trada di stabilire la percentuale di rendimento a discapito del tasso. Come si vede, non si tratta di concetti sempre intuitivi e immediatamente comprensibili: ecco perché chi è intenzionato ad avvicinarsi alle opzioni binarie è tenuto a studiare approfonditamente. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi